Verbania - C.so Mameli 19
*Culto domenicale ore 10:30

Omegna - Via F.lli Di Dio 64
*Culto domenicale ore 10:30

giovedì 30 aprile 2009

Post tenebras lux : Concerto di musica della Riforma Protestante

Serata di Meditazione, Letture e Musiche della Riforma in occasione del 5° centenario della nascita di Giovanni Calvino

Venerdì 29 maggio, ore 21 presso la Chiesa Evangelica Metodista - Verbania Intra.


Con la partecipazione dei Cantori di San Cipriano
Direttrice Roberta Giavina
Organo Alessio Lucchini


Ingresso libero

E' previsto un rinfresco alla fine della serata nei locali della Chiesa.

Chiesa Evangelica Metodista: dove trovarci, orario dei culti domenicali

VERBANIA INTRA:

Corso Mameli 19







OMEGNA (VB):

Via Fratelli di Dio, 64





Die VEREINIGTEN EVANGELISCHEN KIRCHEN ITALIENS - Waldenser und Methodisten - , die hier im Gebiet des Lago Maggiore und Lago d`Orta heimisch sind, heissen Sie herzlich willkommen und laden Sie zu ihren Gottesdiensten freundlich ein.

Historische Daten: Omegna

eine Gruppe deutscher evangelischer Familien, die im Jahre 1877 eingewandert waren, gründeten zusammen mit einer Gruppe italienischer Familien, die sich seit 1884 zu ihrem
evangelischen Glauben bekannten diese Gemeinde. Die heutige Kirche ist zwischen 1896 und 1898 gebaut worden.

Historische Daten: Verbania Intra

Hervorgegangen aus der Predigt methodistischer Verkündiger gehört diese Gemeinde zu den ersten evangelischen Gemeinden Italiens.
Die Kirche ist ein wertvolles architektonisches Baudenkmal – innen und aussen.


Per informazioni: tel.0323 52976
0323 826004
0323 89243
329 2213817

martedì 21 aprile 2009

25 aprile a Verbania: Quale salute? Quale sicurezza?


Fratelli d'Italia, cittadini del mondo

In piazza Ranzoni a Verbania Intra dalle ore 15 alle 18 di sabato 25 aprile, giornata di riflessione sul pacchetto sicurezza del Governo.
Ci saranno musiche dal vivo, danze popolari, giocoleria, letture e stands delle associazioni e realtà aderenti con presentazione della propria attività. Si preparerà inoltre una merenda con prodotti del commercio Equo e solidale

Comunicato degli organizzatori:

Siamo cittadini del Verbano, diversi per idee, estrazione culturale, fede religiosa e orientamento politico, ma accomunati dalle stesse preoccupazioni di fronte al “decreto sicurezza” che il Governo si accinge a varare. Veniamo dal mondo dell’associazionismo, dall’impegno civile e religioso, dalla militanza politica: abbiamo condiviso alcune riflessioni e vogliamo renderle pubbliche, aprendo un dibattito con tutte le persone interessate al bene comune.
Crediamo che, in un momento così difficile per tutti, lanciare messaggi forti nel tentativo di diffondere un senso di sicurezza, anche in vista delle prossime elezioni, sia la risposta sbagliata ai bisogni dei cittadini. Ha scritto bene Famiglia Cristiana: “Il soffio ringhioso di una politica miope e xenofoba, che spira nelle osterie padane, è stato sdoganato nell’aula del Senato della Repubblica...”
I valori più autentici del popolo italiano, così ben espressi nella nostra Costituzione, ci sembrano calpestati da una politica demagogica e populista, che cavalcando la paura rinuncia allo stato di diritto. Il “decreto sicurezza” ci spaventa ed aumenta, paradossalmente, le nostre insicurezze! Cittadini (ex poliziotti, militari in pensione…!?) che si organizzano in associazioni paramilitari (le ronde); medici invitati a denunciare le persone irregolari o clandestine (col rischio che questi ultimi, non rivolgendosi più alle strutture sanitarie, diffondano epidemie); permessi di soggiorno a punti e costosissimi (col rischio di aumentare i clandestini).Ma come possiamo sentirci più sicuri, quando ogni elementare principio di rispetto dei diritti fondamentali di ogni individuo viene calpestato “per legge”? Quando la nostra Repubblica “tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti” (Art. 32 della Costituzione Italiana), come è possibile che un governo, per decreto, stabilisca il contrario? Vogliamo capire. Vogliamo condividere le nostre preoccupazioni.

Promuovono la giornata:
Chiesa Evangelica Metodista, Associazione 21 marzo , Associazione ManiTese Verbania, Associazione Nonsoloaiuto , Associazione Sottosopra, Tante voci Caritas Verbano, Caritas Vicariale, Gattabuia, Camminare insieme, Sindacati, Emergency, Anpi, Gruppo Abele di Verbania, Partito Democratico, Pax Christi , Casa della Resistenza, Agesci, Unione degli studenti, Collettivo degli studenti, Cooperativa Raggio Verde

sabato 18 aprile 2009

Il coltan del sangue


Il sangue congolese è nei nostri telefonini!

Il coltan è minerale rarissimo e indispensabile per lo sviluppo della tecnologia di computer, telefoni cellulari, apparati di missili e di satelliti. L'80 % della produzione mondiale viene estratto nella Repubblica democratica del Congo. Il commercio del coltan è completamente clandestino ed è gestito da gruppi di ribelli e movimenti paramilitari che da tempo destabilizzano l'Est del Congo. Dal 1997 ad oggi le vittima delle guerre sono oltre 6 milioni. A lavorare nelle miniere sono spesso i bambani per la loro agilità nel muoversi all'interno dei cunicoli delle miniere e che spesso perdono la vita a causa dei crolli.

In Congo però ci sono anche miniere di oro e diamanti, oltre alle enormi ricchezze fornite dalle foreste pluviali e dal petrolio. Poi c'è il più grande bacino d'acqua di tutta l'Africa. Il Congo possiede le risorse più preziose di tutto il pianeta. Ma è uno dei paesi più poveri della Terra.

giovedì 16 aprile 2009

Otto per mille alla Chiesa Evangelica Valdese - Unione delle chiese metodiste e valdesi

La tua firma per l'otto per mille alla Chiesa Valdese è un impegno per i diritti di tutti. A sessant'anni dalla Costituzione italianae dalla Dichiarazione Universale per i Diritti Umani, a quarant'anni dal sogno di Martin Luther King, ce n'è ancora bisogno. Oggi la tua firma serve proprio a questo:oltre 200 progetti realizzati dalle chiese valdesi e metodiste in Italia e nel resto del mondo, per la solidarietà e lo sviluppo, per riaffermare i diritti all'istruzione, alla laicità dello Stato, alla ricerca scientifica, al riconoscimento delle minoranze, all'autodeterminazione della donna...Senza pregiudizi o discriminazioni.

martedì 7 aprile 2009

Terremoto in Abruzzo: appello dello della Federazione delle Evangeliche in Italia (FCEI)

AGENZIA NEV – NOTIZIE EVANGELICHE
SERVIZIO STAMPA
DELLA FEDERAZIONE DELLE CHIESE EVANGELICHE IN ITALIA
tel. 06.4825120/06.483768, fax 06.4828728 - nev@fcei.it

COMUNICATO STAMPA

TERREMOTO

La Federazione evangelica lancia una sottoscrizione

Solidarietà alle vittime del terremoto in Abruzzo

Le preghiere di tutte le chiese rivolte alla popolazione colpita


Roma, 7 aprile 2009 (NEV-CS28) - In seguito al violento terremoto che ha colpito l'Abruzzo nelle prime ore di ieri, 6 aprile, la Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI) ha lanciato una sottoscrizione per l'aiuto alle vittime. Le morti accertate sono salite a 179 mentre gli sfollati sono più di 50 mila, migliaia le case crollate o inagibili.

"La popolazione abruzzese così duramente colpita da questa catastrofe è al centro delle nostre preghiere, rivolte specialmente a coloro che hanno perso i loro cari o che ancora sono all'oscuro di cosa sia successo a persone a loro vicine", ha dichiarato il presidente della FCEI, il pastore Domenico Maselli in nome di tutte le chiese aderenti alla FCEI. "La FCEI estende la sua solidarietà anche alle migliaia di persone che in queste ore drammatiche stanno portando soccorso prestando assistenza ai feriti e ai sopravvissuti".

Per chi volesse inviare delle donazioni può farlo utilizzando il seguente conto corrente postale specificando la causale "Terremoto Abruzzo": ccp n. 38016002 - IBAN: IT 54 S 07601 03200 000038016002, intestato a: Federazione delle chiese evangeliche in Italia, via Firenze 38, 00184 Roma.

I fondi raccolti saranno destinati ad agenzie collegate con le chiese protestanti che hanno approvata e consolidata esperienza nel campo del soccorso a popolazioni colpite da calamità naturali.

Le chiese membro della FCEI sono: La Chiesa evangelica luterana in Italia (CELI); la Chiesa evangelica valdese (Unione delle chiese metodiste e valdesi); L'Esercito della Salvezza; l'Unione cristiana evangelica battista d'Italia (UCEBI); la Chiesa apostolica italiana, con sede a Prato; la Comunità cristiana "Fiumi di Vita" di Napoli; la Comunità evangelica di confessione elvetica di Trieste; e la St. Andrew's Church of Scotland di Roma (www.fcei.it).