Verbania - C.so Mameli 19
*Culto domenicale ore 10:30

Omegna - Via F.lli Di Dio 64
*Culto domenicale ore 10:30

giovedì 1 dicembre 2016

Sermone Domenica 27 Novembre 2016 - 1^ Domenica di Avvento

Sermone tenuto Domenica 27 Novembre, 1^ Domenica di Avvento detta "del Profeta", poichè ricorda le profezie sulla venuta del Messia.
ROMANI 13:8-14

(Amore del prossimo; Vigilanza nella vita cristiana)
8 Non abbiate altro debito con nessuno, se non di amarvi gli uni gli altri; perché chi ama il prossimo ha adempiuto la legge. 9 Infatti il «non commettere adulterio», «non uccidere», «non rubare», «non concupire» e qualsiasi altro comandamento si riassumono in questa parola: «Ama il tuo prossimo come te stesso». 10 L'amore non fa nessun male al prossimo; l'amore quindi è l'adempimento della legge. 11 E questo dobbiamo fare, consci del momento cruciale: è ora ormai che vi svegliate dal sonno; perché adesso la salvezza ci è più vicina di quando credemmo. 12 La notte è avanzata, il giorno è vicino; gettiamo dunque via le opere delle tenebre e indossiamo le armi della luce. 13 Comportiamoci onestamente, come in pieno giorno, senza gozzoviglie e ubriachezze; senza immoralità e dissolutezza; senza contese e gelosie; 14 ma rivestitevi del Signore Gesù Cristo e non abbiate
cura della carne per soddisfarne i desideri."

Attese che non andranno deluse!
Anni orsono in occasione delle elezioni regionali accompagnavo un amico, Armando V., ai vari incontri che le varie liste tenevano per il pubblico, invano chiedevamo ad alcuni candidati delle diverse fazioni che cosa si proponessero di fare se fossero stati eletti. La loro propaganda elettorale proponeva dei nomi, ma nessuna traccia di programmi, di obiettivi che avrebbero dovuto raggiungere a volte qualche candidato diceva che avrebbero proseguito con i vecchi programmi. È cosa strana ed inverosimile per chi ti chiede un voto! Non mi risulta che nessuno di loro si fosse preoccupato di chiedere a me o alla gente quali fossero le nostre aspirazioni o attese che poi essi si sarebbero impegnati a conseguire. Eppure la gente ha molte attese, desideri ed aspirazioni. Non è vero che la gente non si aspetta più nulla e non spera più in nulla. Certamente è delusa di coloro che hanno disatteso o tradito le loro aspirazioni ed è purtroppo scettica che altri sappiamo fare di meglio!
L'Avvento è celebrazione dell'attesa e della speranza e dirige l'attenzione non all'uomo che delude e inganna, ma a Dio che fedelmente realizza le attese e le speranze umane tramite Cristo. L'annuncio della Chiesa cristiana è che Cristo solo è la realizzazione di ogni migliore aspirazione e speranza. Egli ha un programma chiaro, come pure la forza e la determinazione di portarlo a compimento.
Il testo biblico che ci viene proposto quest'oggi ci parla dell'attesa attiva e laboriosa alla quale siamo chiamati, di Colui che, tornando, porterà a compimento la meravigliosa opera che ha cominciato a fare in questo mondo ed in ogni persona che Lo accoglie con fede ed ubbidienza.
I cristiani a cui scriveva Paolo, erano consapevoli di vivere in un momento particolare della storia, un tempo cruciale, una svolta storica. Di che cosa si trattava? Forse del fatto che la fede cristiana da perseguitata sarebbe presto diventata dominante nell'impero? Direi di no, perché, anche se questo fatto sarebbe stato senz'altro di rilevante importanza storica, la prospettiva cristiana sulla storia andava (e va) ben al di là di questo.
C'è chi la vede come una linea ascendente di progresso in progresso, secondo le teorie cosiddette scientifiche dell'evoluzione. C'è poi chi la vede, in fondo sempre uguale a sé stessa, il solito frustrante "tran-tran": "la storia", dicono in modo pessimista, "non va da nessuna parte, gira a vuoto, è fondamentalmente senza senso come l'invariabile susseguirsi delle stagioni", nel senso che ogni tot di anni le cose si ripetono. Questa è forse la prospettiva più diffusa.
Molti vivono non rendendosi conto del tempo in cui stanno vivendo. Coloro che appartengono a questo mondo, moralmente e spiritualmente in decadenza, dormono e non si accorgono di procedere inesorabilmente verso il giudizio di Dio e la catastrofe, ma vi sono anche cristiani che dormono e sonnecchiano non rendendosi ben conto dei precisi compiti che devono assolvere in questo periodo in cui si trovano, fra la prima e la seconda venuta (risolutiva) di Cristo, infatti il nostro testo dice: "La salvezza ci è ora più vicina di quanto credemmo" (11c), nel senso che, il ritorno di Cristo, è più vicino ora di quando diventammo credenti. Se il discorso valeva tanti secoli fa per i cristiani di allora, che cosa dovremmo dire noi oggi? Quanto ci è vicino il ritorno risolutore di Cristo? Certamente molto vicino! Eppure quanti sono quelli che "dormono" non rendendosene conto che sta arrivando a compimento il proposito di Dio, la salvezza tramite Gesù cristo.
Forse, sarebbe utile aggiungere ciò che diceva l'apostolo Pietro, quando profeticamente affermava: "Soprattutto, dovete tenere presente una cosa: negli ultimi tempi verranno uomini che non credono a niente e vivono ascoltando le proprie passioni. Verranno e rideranno di voi, dicendo: "Voi dicevate che il Signore doveva tornare, ma dov'è? I nostri padri sono morti, ma tutto rimane come prima, come era fin dalla creazione del mondo". Hanno la pretesa di parlare così, ma non si ricordano che già molto tempo fa la parola di Dio aveva creato i cieli e la terra. Dio aveva separato la terra dall'acqua e l'aveva tenuta insieme per mezzo dell'acqua. Ma poi con l'acqua del diluvio aveva distrutto il mondo di allora e i malvagi. Carissimi, c'è una cosa che non dobbiamo dimenticare: per il Signore, lo spazio di un giorno è come mille anni e mille anni sono come un giorno solo. Il Signore non ritarda a compiere la propria promessa: alcuni pensano che sia in ritardo, ma non è vero. Piuttosto, egli è paziente perché vuole che nessuno si smarrisca e che tutti abbiano la possibilità di cambiare vita per il motivo che il giorno del Signore verrà all'improvviso come un ladro” (2 Pietro 3,3-10), il che ci riporta proprio al nostro testo biblico di base il quale afferma: "La notte è avanzata e il giorno è vicino; gettiamo dunque via le opere delle tenebre e indossiamo le armi della luce" (12). La notte della decadenza morale e spirituale di questo mondo è avanzata (si è evoluta), sta per terminare. Il giorno risolutore del ritorno di Cristo è vicino. Allora tutto ciò che caratterizza le tenebre di questo mondo subirà da parte di Dio il giusto giudizio di condanna: liberiamocene come tanta spazzatura per non esserne più coinvolti, anzi, viviamo fin da ora com'è giusto e piace al Signore, "indossando" quegli "abiti" puliti e luminosi che ci permetteranno di essere riconosciuti come gente che sta dalla parte del Cristo trionfante. È ora il momento della scelta, è ora il momento di scegliere da che parte stare: dalla parte di un mondo destinato ad un'inappellabile condanna da parte di Dio o dalla parte del Cristo, vincitore e trionfante, perché "le armi della luce" trionferanno!
L'Apostolo indica molto praticamente quale deve essere lo stile di vita idoneo a Gesù Cristo che sta per tornare e dice: "Camminiamo onestamente, come di giorno, non in gozzoviglie ed ebbrezze, non in immoralità e sensualità, non in contese ed invidie" (13). Viviamo con trasparenza e schiettezza, come chi, di fronte a Dio ed alla Sua legge, non avrà nulla di cui vergognarsi. Rifiutiamo, come dice Paolo, di aver parte alcuna con "le opere della notte". L'accento è qui posto, in modo esemplare, su quelle attività che, da sempre per altro, caratterizzano le notti di chi non conosce Dio. Una delle tante attività è descritta con la parola gozzoviglie, la quale fa riferimento alle canzonacce blasfeme e sensuali di cui gli antichi romani erano diventati famosi, e che cantavano nelle loro orge sfrenate, veri e propri atti di culto verso luride divinità pagane, "sponsor ufficiali" delle loro frequenti feste. Della parola ebbrezze, cioè ubriachezza non servono molte spiegazioni. A questo riguardo tutto il mondo è paese! Così pure le parole immoralità e sensualità, cioè gli abusi sessuali di ogni tipo che sembrano oggi "ritornati di moda" in una società la quale vorrebbe dar libero sfogo ad ogni voglia, e che si vanta di essersi liberata da quelli che chiama "tabù puritani", cioè quelle leggi che Dio ci ha dato per il nostro stesso bene. A questo l'autore aggiunge contese ed invidie, cioè la violenza che tali sfrenati eccessi notturni accende, così da dare libero sfogo pure alle gelosie, invidie e contese che "di giorno", per decenza, si reprimono e si covano.
L'apostolo è molto realista ed onesto poiché sa che nella nostra "carne", ci sono "voglie", “tentazioni” più o meno confessabili che ci piacerebbe soddisfare, ma che sono solo una temibile trappola, cedendo alle quali noi causiamo la nostra stessa catastrofe e rovina, la medicina per non cedere a queste voglie è quella di resistere "rivestendoci di Cristo", cioè essendo come Lui, avendo quella somiglianza di carattere e di condotta che proviene dall'essere in comunione stretta con Lui attraverso lo Spirito Santo. È proprio questa comunione con Lui che ci impedirà di cedere a queste propensioni peccaminose in attesa del suo ritorno, viviamo fin da ora con coerenza sotto l’ala protettrice di Cristo, potremmo anche dire: sotto la bandiera di Cristo. "Sotto quale bandiera" viveva Cristo? Qual è la "bandiera" che Lo caratterizzerebbe? Con quale "bandiera" arriverà?
È la "bandiera" della comunione con Dio, quella della fiducia e dell'ubbidienza ai Suoi comandamenti, la bandiera dell'amore totale verso Dio e verso il prossimo, amore che spinse Gesù a dare la Sua vita per questo. È proprio quanto dice il nostro testo ed è pure ciò che deve caratterizzare la nostra vita in attesa del Suo glorioso ritorno. Riascoltiamolo: "Non abbiate alcun debito con nessuno, se non di amarvi gli uni gli altri, perché chi ama il suo simile ha adempiuto la legge. Infatti questi comandamenti: "Non commettere adulterio, non uccidere, non rubare, non dir falsa testimonianza, non desiderare", e se vi è qualche altro comandamento, si riassumono tutti in questo: "Ama il tuo prossimo come te stesso". L'amore non fa alcun male al prossimo; l'adempimento dunque della legge è l'amore" (8-10).
Paolo, continuando ad usare l'immagine della bandiera ci dice: mettiamo la Sua bandiera al balcone di casa nostra per onorarlo al Suo passaggio quando verrà e per mostrare che a Lui apparteniamo. È come il personaggio biblico di Rahab, che, nella città di Gerico, aveva dato ospitalità e assistenza ad Israele e che sarebbe stata risparmiata dal loro avanzare irresistibile se solo avesse messi un nastro rosso alla finestra come segno di riconoscimento. Gesù disse: "Da questo conosceranno tutti che siete miei discepoli, se avete amore gli uni per gli altri" (Gv. 13:35). Da questo pure Lui ci riconoscerà al Suo ritorno!
L'amore cristiano non lo si esercita nel vuoto, ma secondo i comandamenti rivelati. Questo amore non è separato dalla legge, come oggi ci vorrebbero suggerire; ma la legge di Dio, dà all'amore il suo contenuto, l'amore dà alla legge il suo compimento in quanto non c'è vero amore se non lo si esplica in accordo con ciò che Dio specificatamente comanda, cioè: "Non commettere adulterio, non uccidere, non rubare, non dir falsa testimonianza, non desiderare". Questi esempi che l’apostolo Paolo fa, illustrano la validità permanente della legge morale e provano che non sono stati aboliti da Cristo, anzi, saranno i criteri stessi con i quali Gesù Cristo ci giudicherà.
Conclusione
Detto ciò, possiamo ben dire che i nostri politici benché debbano essere fedelmente al servizio di Dio e del popolo, non soddisferanno purtroppo, le nostre migliori attese e speranze, questo è il motivo per cui dobbiamo attendere fiduciosi e con ansia l’unico che non ci deluderà, il Signore e Salvatore Gesù Cristo. Non dovrà però essere un'attesa oziosa. Lo attenderemo come persone che già mettono in pratica il Suo stile di vita, il Suo modo di pensare, di parlare e di agire. In questo modo soltanto verremo da Lui riconosciuti come Suoi al Suo ritorno, ottenendo così da Lui non un severo giudizio di condanna e di esclusione, ma la salvezza eterna, per questo motivo dobbiamo pregare il Signore, affinchè ci protegga e ci aiuti a non cedere alle tentazioni, queste voglie non vogliamo coltivarle neanche segretamente!".
Così sia. AMEN

lunedì 7 novembre 2016

Sermone di Domenica 6 Novembre 2016 sul testo biblico di 2° Tessalonicesi 2:1-5.13-17

2°Tessalonicesi 2:1-5.13-17
1 Ora, fratelli, circa la venuta del Signore nostro Gesù Cristo e il nostro incontro con lui, vi preghiamo 2 di non lasciarvi così presto sconvolgere la mente, né turbare sia da pretese ispirazioni, sia da discorsi, sia da qualche lettera data come nostra, come se il giorno del Signore fosse già presente. 3 Nessuno vi inganni in alcun modo; poiché quel giorno non verrà se prima non sia venuta l'apostasia e non sia stato manifestato l'uomo del peccato, il figlio della perdizione, 4 l'avversario, colui che s'innalza sopra tutto ciò che è chiamato Dio od oggetto di culto; fino al punto da porsi a sedere nel tempio di Dio, mostrando se stesso e proclamandosi Dio. 5 Non vi ricordate che quand'ero ancora con voi vi dicevo queste cose?                                                                                                             13 Ma noi dobbiamo sempre ringraziare Dio per voi, fratelli amati dal Signore, perché Dio fin dal principio vi ha eletti a salvezza mediante la santificazione nello Spirito e la fede nella verità. 14 A questo egli vi ha pure chiamati per mezzo del nostro vangelo, affinché otteniate la gloria del Signore nostro Gesù Cristo.15 Così dunque, fratelli, state saldi e ritenete gli insegnamenti che vi abbiamo trasmessi sia con la parola, sia con una nostra lettera. 16 Ora lo stesso Signore nostro Gesù Cristo e Dio nostro Padre, che ci ha amati e ci ha dato per la sua grazia una consolazione eterna e una buona speranza, 17 consoli i vostri cuori e vi confermi in ogni opera buona e in ogni buona parola. 

Luce e speranza autentica per il destino del mondo

Come già accadde per l’anno 1000, anche il passaggio all’anno 2000 è stato, per la situazione culturale in cui viviamo, un momento cruciale della storia, carico di minacciosi presagi che preoccupano e mettono in agitazione molte persone. La nostra civiltà ha fatto grandi progressi scientifici e tecnologici, ma questo non ha affatto ispirato fiducia e sicurezza per quanto riguarda il nostro futuro, come le catastrofi più o meno naturali, che causano la distruzione dell’ambiente naturale in cui viviamo, la diffusione incontrollata di malattie, le agitazioni sociali e politiche di masse umane sospinte dal bisogno o da ideologie distruttive, la litigiosità di gruppi, razze e nazioni che, senza alcuno scrupolo vorrebbero distruggere i loro veri e presunti avversari, la stessa tecnologia che sfugge al controllo umano… tutto questo causa una grande ansia ed incertezza in tutto il mondo oggigiorno, tanto da far credere a molti di essere ormai giunti “alla fine”.
Tutto questo…, è vero? No. Per quanto drammatici siano molti fatti che avvengono e che attirano la nostra preoccupata attenzione, non siamo ancora alla fine! Dovranno succedere ancora diversi fatti non ancora avvenuti e che nemmeno si può pensare siano imminenti! Come faccio a saperlo? Perché lo afferma chiaramente la Bibbia, la quale delinea le tappe della storia dell’umanità secondo i decreti eterni ed immutabili di Dio.
Non sto dicendo che “tutto andrà bene” e che non ci sia da preoccuparsi… dico semplicemente che ciò che farà precipitare le cose, sembra ancora lontano.
Una speranza esiste, ed è ciò che la Bibbia stessa ammette. Non si tratta però della speranza nelle conquiste del progresso, ma del rifugio sicuro, l’unico disponibile, che noi possiamo continuare a trovare nella Persona e nell’Opera di Gesù Cristo. Gesù tornerà ed accoglierà presso di Sé coloro che Gli appartengono. Non importa quindi, quanto potrà succedere, se, quel giorno, saremo trovati in Cristo.
Alle questioni che ci siamo posti, risponde il testo significativo della Parola di Dio, contenuto nella seconda lettera dell’apostolo Paolo ai cristiani di Tessalonica.
Paolo incomincia con una parola di avvertimento:“1 Ora, fratelli, circa la venuta del Signore nostro Gesù Cristo e il nostro incontro con lui,…”
L’apostolo qui ribadisce prima di tutto la verità circa il ritorno personale del Signore Gesù Cristo. La Bibbia parla di una “seconda Venuta” e la cosa è pure stata impressa nel Credo apostolico:“…e tornerà per giudicare i vivi e i morti”Gesù stesso preannunciò il Suo futuro ritorno. Quando tornerà, Egli darà inizio al giusto giudizio di Dio sulle creature, tramite la manifestazione della Sua inalterabile giustizia.
Domanda…, quando tornerà? Il testo dice: “vi preghiamo…”
(v.2)
“…di non lasciarvi così presto sconvolgere la mente, né turbare sia da pretese ispirazioni, sia da discorsi, sia da qualche lettera data come nostra, come se il giorno del Signore fosse già presente.”.
Nella nostra cultura circolano molte speculazioni che confondono la mente di molti, circa presunte predizioni e profezie. Queste non sono solo basate su scritti di presunti profeti e veggenti di questo mondo, ma pretendono di essere basate talvolta sulla Bibbia, in effetti Paolo dice: “come da qualche lettera data come nostra”. Spesso, infatti, si fanno dire alla Bibbia cose che non ha mai detto. Molti, ignorantemente, pensano che la Bibbia dica questo e quest’altro per il motivo che hanno sentito qualcuno che lo ha detto, ma non si sono mai preoccupati di controllare personalmente se ciò è vero. Qualche tempo fa qualcuno mi ha detto: “Tutto quello che sta accadendo in questi giorni, terremoto e guerre, avvengono perché siamo giunti negli << Ultimi giorni >> come aveva predetto la Bibbia, quindi, dobbiamo dedicare tutte le nostre risorse e il nostro tempo libero per conoscere Dio, aggregarsi ad una vera religione e andare di casa in casa a far conoscere tutto questo, come stava facendo lui”. Io ho risposto: “No, questo non è vero”. E l’altro ad insistere: “è scritto in Atti 20:20-21 e Luca 10:7. “Andiamo allora a vedere direttamente”. Ho aperto la Bibbia. Ho fatto vedere che ciò che pensava esservi, in realtà non c’era. L’altro rimane allibito. Reagisce dicendo che in realtà era la mia Bibbia ad essere sbagliata… Naturalmente per lui aveva ragione indiscutibile “la sua Bibbia” e la sua congregazione,
chiunque avesse detto quello, anche se fosse la peggiore menzogna!                                              Paolo per questo scrive:“Non lasciatevi sconvolgere la mente”.
Oggi come all’epoca di Paolo, sulla base di sconvolgimenti naturali, avvenimenti politici e sociali costoro annunciano catastrofi, spaventando molti e facendo cadere in rassegnazione altri. Alcuni dicono addirittura che Cristo sia già tornato, “invisibilmente”, e identificano Cristo con la loro organizzazione religiosa, speculandoci sopra, al servizio dei loro interessi, dicono che chi vuole essere salvato deve unirsi a loro …e sarà unito a Cristo. Furbi, non è vero? Ma è una menzogna verificabile come tale da chiunque si prenda tempo di vedere veramente come stanno le cose, e non si accontenti del “sentito dire”.
Iddio però, attraverso l’Apostolo, è l’unico che possa dirci come stiano realmente le cose.
(3)“Nessuno v'inganni in alcun modo; poichè quel giorno non verrà se prima non sia venuta l'apostasia e non sia stato manifestato l'uomo del peccato, il figlio della perdizione,…
Egli ci mette prima di tutto in guardia contro gli inganni. Vi sono infatti molti modi in cui si può essere ingannati, e noi dobbiamo tenere gli occhi aperti per non cadere nelle trappole in cui vorrebbero farci cadere.
Quel giorno fatale verrà, ma prima debbono essere realizzate alcune condizioni preliminari.
(a) Dovrà avvenire una diffusa apostasia. Cioè masse di persone, dopo essersi definite in qualche modo cristiane, giungeranno a rinnegare Cristo e a “cambiare bandiera”, dimettendosi dalle chiese. Questo era stato predetto. Ma vi saranno anche false chiese che pretenderanno di essere cristiane ed attireranno gente con un vangelo di comodo. Poi, dice il testo…
(b) Dovrà manifestarsi “l’uomo del peccato”, la massima espressione dell’opposizione a Dio ed alla verità, massimo strumento di perdizione per chiunque gli presterà ascolto, seguendolo. L’opposizione a Dio ed alla verità è infettiva nel nostro mondo. Già domina sempre di più le coscienze umane, allontanandole con vari mezzi dal Dio vero e vivente nella Bibbia. Questa ribellione, però, allora sarà alla massima potenza.                                                                                 Si può ben dire che ci stiamo arrivando, solo quando ci arriveremo si manifesterà: “Il figlio della perdizione” v.3b
Quali caratteristiche avrà questo personaggio?
(v.4)
La scrittura dice che sarà un potente avversario personale di Dio e sarà l’opposto di tutto ciò che Dio è della Sua santa Persona e santa Legge.
Questi si innalzerà al di sopra di qualunque oggetto o forma di culto tanto da farsi adorare proclamando di essere egli stesso Dio, in quanto sa che l’essere umano è una creatura incurabilmente religiosa che se non adora il Dio vero e vivente, adorerà qualche altra cosa, persona, o idea. Questo avversario di Dio riuscirà ad attirare il culto e l’adorazione di masse di persone sviate, fino alla loro propria perdizione.
Il testo dice che si metterà in mostra. Come? Forse attraverso il mezzo televisivo, come il “Grande fratello” onnipresente.
(v.5)
Queste cose non sono una novità per la predicazione apostolica: erano state ampiamente preannunciate, infatti: “.. Non vi ricordate che, quando ero ancora con voi, vi dicevo queste cose?”
 Oggi si va dietro a tante cose come se fossero “l’ultima novità”, mentre tutto era già stato ampiamente illustrato dalla Bibbia stessa. Ne siamo consapevoli!?La conosciamo? Oppure preferiamo rimanere nella nostra ignoranza, pretendendo che altri siano, rispetto alla Bibbia “più aggiornati”!
Tutto ciò, non deve essere così per il popolo di Dio, in quanto:
13…noi dobbiamo sempre ringraziare Dio per voi, fratelli amati dal Signore, perché Dio fin dal principio vi ha eletti a salvezza, mediante la santificazione nello Spirito e la fede nella verità”.
L’apostolo, ringrazia Dio perché Dio si è scelto un popolo che non cadrà in queste trame perché saranno coloro che ascoltano queste sue ispirate parole con fiducia, riconoscendole non come parole sue, ma come sono veramente, cioè Parola di Dio.
Chi accoglie la parola della Bibbia con fiducia è gente designata alla salvezza siccome ha accolto con gioia la verità, cioè Gesù Cristo come proprio Signore e Salvatore. Questi sono stati “messi a parte” e resisteranno.
(v.14-15)
Ecco delle meravigliose parole finali di certezza e di rassicurazione.
“…a questo egli vi ha pure chiamati per mezzo del nostro vangelo, affinché otteniate la gloria del Signore nostro Gesù Cristo. 15 Così dunque, fratelli, state saldi e ritenete gli insegnamenti che vi abbiamo trasmessi sia con la parola, sia con una nostra lettera”.              
Anche in tempi difficili, coloro che appartengono a Cristo sono chiamati a stare saldi, a non lasciarsi turbare e continuare a tenersi stretti all’insegnamento apostolico contenuto nella Bibbia. La perseveranza, la “testardaggine” della fede in Dio e nella Sua Parola, sia quel che sia, oggi e domani, è segno di una perseveranza che alla fine vincerà, e che è tale da farci stare saldi e decisi.
Invece che lasciarci prendere dallo scoraggiamento, atteniamoci alla Parola di Dio, cerchiamo con costanza in essa tutto ciò che ci può far conoscere la verità e rafforzare la fede per opporci ai falsi profeti. No…! Il male non prevarrà, anche se ci stringe da ogni parte; chi crede nel Cristo sarà da Lui sostenuto in mezzo a mali e sofferenze.
E’ per questo l’Apostolo termina con una benedizione: 16 Ora, lo stesso Signore nostro Gesù Cristo e Dio nostro Padre, che ci ha amati e ci ha dato per la sua grazia una consolazione eterna e una buona speranza, 17 consoli i vostri cuori e vi confermi in ogni opera buona e in ogni buona parola”.
Si…! Che la consolazione eterna e la buona speranza dell’Evangelo di Gesù Cristo ci consoli e ci confermi anche in un passaggio cruciale come questi prossimi anni, e ci tenga stretti al Signore Gesù Cristo, per poter poi essere “radunati” con Lui al momento stabilito e partecipare così per grazia al rinnovamento di tutte le cose, secondo i propositi eterni di Dio.

AMEN

domenica 10 luglio 2016

PREGHIERA SERALE

Signore, mio Dio, ti ringrazio perché hai condotto a termine questo giorno. Ti ringrazio perché lasci riposare il corpo e l’anima. La tua mano è stata su di me, mi hai protetto e custodito. Perdona ogni gesto di poca fede e ogni torto che ho commesso in questo giorno e aiutami a perdonare tutti coloro che mi hanno fatto torto. Permettimi di dormire in pace, sotto la Tua protezione e salvaguardami dalle tentazioni delle tenebre. Ti affido il mio corpo e la mia anima.                    
Dio, il Tuo Santo nome sia lodato. Amen

martedì 21 giugno 2016

FESTA DELLA COMUNITA’ E DELLA SOLIDARIETA’

Dalla locandina emerge che, la Chiesa Evangelica Metodista di Omegna, nei giorni di Venerdì 24, Sabato 25 e Domenica 26, organizzerà una festa di Solidarietà che si svolgerà nel cortile interno della Chiesa situato in Via Fratelli di Dio 64, il ricavato, dei tre giorni di Festa, sarà devoluto al centro “Missione Evangelica contro la Lebbra” e alla “Associazione Pro Senectute di Omegna”, l’invito è rivolto a tutti, inoltre sarà possibile visitare il mercatino situato nella sala “C.E.D.I.” che si trova nella parte posteriore della Chiesa.
Concludo scrivendo una frase di Martin Luther King per cercare di sensibilizzare voi tutti che leggerete questo a partecipare: “Può darsi non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non farete nulla per cambiarla, e se avremo aiutato una sola persona a sperare, non saremo vissuti invano.

Partecipate numerosi, vi aspettiamo.

mercoledì 8 giugno 2016

Viaggio a senso unico


La Chiesa Evangelica Metodista di Omegna è lieta di invitare tutti alla 1ª presentazione del libro "Viaggio a senso unico", il cui ricavato dalla vendita del libro potrà servire a questi tre ragazzi, protagonisti della storia, di trovarsi un alloggio da affittare per il motivo che ormai hanno già raggiunto il tempo limite per rimanere ospiti del centro d'accoglienza in cui si trovano. Avendoli conosciuti, di loro si può dire che si sono già ambientati bene nel nostro paese tanto che hanno già trovato un lavoro e con questo libro vogliono far conoscere a chi lo comprerà quale è stata la loro odissea per raggiungere il nostro splendido paese e far capire anche cosa stanno affrontando tutti coloro che stanno vivendo oggigiorno il dramma della traversata del Mediterraneo.
Ecco alcune delle frasi che si trovano nel libro e che sono molto significative quali:"Ni tadon ibetayoromin adon ibora yoromin" che vuol dire "Forse non sai dove andare, ma sai da dove vieni".
O questa frase:"Non avevamo mai visto il mare, non avevamo neanche mai fantasticato su quella immensa distesa di acqua salata. Attraversare il Meditarraneo non è stata una scelta".
Vi aspettiamo numerosi Sabato 11 Giugno 2016 alle ore 21 presso il Circolo Operaio ARCI "Franco Ferraris" sito in Via Manzoni 63, ad Omegna (Verbania). Non mancate

domenica 8 maggio 2016

Vietato Pregare

«L'intolleranza religiosa nella
storia repubblicana italiana»

Venerdì 13 maggio 2016, ore 21,00

Centro Evangelico d’Incontro, Via Fratelli Di Dio, 64 Omegna
(adiacente alla Chiesa Evangelica Metodista)

Introduce:

Renato Pizzi, Presidente del Consiglio della Chiesa Evangelica Metodista di Omegna

Intervengono:

Francesca Cozzi, Pastore della Chiesa Evangelica Metodista di Omegna


Andrea Maori, autore del libro «Vietato pregare. Storie di intolleranza religiosa nell’Italia repubblicana»

lunedì 18 aprile 2016

Evangelici e Resistenza

La Chiesa Evangelica , come sempre, invita tutti alla partecipazione e alla diffusione dell'informazione, per fare in modo che molte persone possano essere presenti, per ricordare tramite diversi racconti la storia del nostro passato, in cui molte persone si sono prodigate per portare la pace e poter ricordare insieme anche coloro tra cui uomini e donne che hanno dato la loro vita per raggiungere lo scopo di poter liberare altri esseri umani dalla tirannia e dal genocidio dei nazifascisti, si potrà assistere all'intervento della Pastora Anne Zell della Chiesa Valdese di Brescia che parlerà di Dietrich Bonhoeffer, il quale fu condannato ingiustamente per la cospirazione dell'attentato a Hitler e venne impiccato all'alba del 9 Aprile 1945 nel campo di concentramneto di Flossenbürg, pochi giorni prima della fine della guerra.

domenica 10 aprile 2016

"E STASERA C'E' LA LUNA, COMUNQUE" di Augusta Baldioli

Siamo tutti invitati a questo evento, dove si illustrerà, tramite il suo libro, questa fantastica donna che avrebbe potuto essere la prima Sindaca del Comune di Omegna ma era troppo avanti, i tempi non erano ancora maturi. Augusta, amante delle diversità, ha approfondito la conoscenza di molte religioni, in particolare frequentando la Chiesa Evangelica e studiando la religione musulmana attraverso una sua personale ricerca di spiritualità. Ritenendosi cittadina del mondo e donna curiosa delle differenze culturali e religiose, le veniva naturale il lavoro con i ragazzi immigrati nell'associazione "Nonsoloaiuto". Per lei era chiaro il concetto di accoglienza e lo praticava assiduamente. Ha mantenuto per anni la corrispondenza con Alex Zanotelli, Alda Merini, Adriana Zarri e Lidia Menapace. Ha fondato con entusiasmo il gruppo UDI (Unione Donne Italiane) negli anni settanta. Vi aspettiamo numerosi. Grazie

sabato 26 marzo 2016

Buona Pasqua

Se per una volta cancellassimo l'odio, se abbracciassimo con l'anima ogni colore e religione, se alzassimo bandiera bianca davanti ad ogni provocazione, se guardassimo oltre al buio dell'egoismo, potremmo vivere appieno il vero senso della Pasqua, che è fatto di pace e serenità. Auguro una Pasqua vissuta col cuore, senza odio nè rancore e con tanta serenità interiore. Auguri di cuore.
P.L. Giampaolo Castelletti

mercoledì 17 febbraio 2016

17 February: a testimony to the rights of all

It is customary that on the evening of 16 February in the villages and hamlets of the Waldensian Valleys of the bonfires are lit in memory of the signing of the "Letters Patent" with which the King Carlo Alberto granted for the first time in the history of the Piedmont Civil Rights the Waldensian minority, and a few days later, also to the Jewish minority. To celebrate this event today is not just to remember a time in the past, but above all be aware that freedom of conscience is one of the fundamental freedoms of a democratic state as indeed is also stated in the Constitution of the Italian Republic. Liberty and fraternity are inherent in ignition of the fire, "fire of freedom", joyful symbol of communion and dialogue between different peoples, cultures and faiths. The party, always, does not have a religious character - although the Waldensian are still grateful to the Lord for freedom obtained - but civil. Around the bonfire it gathers all the population beyond the political differences, cultural, religious, for a big party. February 17, or the closest Sunday, celebrating a solemn worship of thanksgiving, the Waldensian and Methodist churches recall the recognition of civil and political rights to the Waldensian occurred in 1848. This day, however, also evokes a tragic event and particularly significant for our country: February 17, 1600 in Rome was burned at the stake Giordano Bruno, philosopher, mystic and one of the most steadfast supporters of freedom of conscience. Combining the significance of these two historic events, the Federation of Evangelical Churches in Italy (FCEI) for several years offers around the week to February 17 as "Week of Freedom", promoting meetings and initiatives of solidarity with those who suffer from lack of religious freedom or violation of human rights.

17 febbraio: una testimonianza per i diritti di tutti

È consuetudine che la sera del 16 febbraio nei villaggi e nelle borgate delle Valli valdesi si accendano dei fuochi di gioia in ricordo della firma delle "Lettere Patenti" con le quali il Re Carlo Alberto concedeva per la prima volta nella storia del Piemonte i diritti civili alla minoranza valdese e, qualche giorno dopo, anche alla minoranza ebraica. Celebrare oggi quell'evento non vuol dire solo ricordare un momento del passato, ma soprattutto essere consapevoli che la libertà di coscienza è una delle libertà fondamentali di uno stato democratico come del resto viene anche affermato nella Carta costituzionale della Repubblica Italiana. Libertà e fratellanza sono insiti nell'accensione del falò, "fuoco della libertà", simbolo gioioso di comunione e dialogo tra popoli, culture e fedi diverse. La festa, da sempre, non ha un carattere religioso - sebbene i valdesi siano oggi ancora riconoscenti al Signore per la libertà ottenuta - ma civile. Intorno al falò si raduna tutta la popolazione al di là delle differenziazioni politiche, culturali, religiose, per una grande festa popolare. Il 17 febbraio, o la domenica più vicina, celebrando un solenne culto di ringraziamento, le chiese valdesi e metodiste ricordano il riconoscimento dei diritti civili e politici ai valdesi avvenuto nel 1848. Questo giorno tuttavia rievoca anche un evento tragico e particolarmente significativo per il nostro paese: il 17 febbraio 1600 a Roma fu arso al rogo Giordano Bruno, filosofo, mistico e uno dei più tenaci sostenitori della libertà di coscienza. Unendo il significato di questi due eventi storici la Federazione delle Chiese evangeliche in Italia (FCEI) da diversi anni propone la settimana intorno al 17 febbraio come “Settimana della libertà”, promuovendo incontri e iniziative di solidarietà con chi soffre per la mancanza di libertà religiosa o per la violazione dei diritti umani.

17 febbraio: una testimonianza per i diritti di tutti

CARLO ALBERTO per grazia di Dio re di Sardegna, di Cipro e di Gerusalemme, duca di Savoia, di Genova, ecc. ecc., principe di Piemonte, ecc. ecc. Prendendo in considerazione la fedeltà ed i buoni sentimenti delle popolazioni Valdesi, i Reali Nostri Predecessori hanno gradatamente e con successivi provvedimenti abrogate in parte o moderate le leggi che anticamente restringevano le loro capacità civili. E Noi stessi, seguendone le traccie, abbiamo concedute a que’ Nostri sudditi sempre più ampie facilitazioni, accordando frequenti e larghe dispense dalla osservanza delle leggi medesime. Ora poi che, cessati i motivi da cui quelle restrizioni erano state suggerite, può compiersi il sistema a loro favore progressivamente già adottato, Ci siamo di buon grado risoluti a farli partecipi di tutti i vantaggi conciliabili con le massime generali della nostra legislazione. Epperciò per le seguenti, di Nostra certa scienza, Regia autorità, avuto il parere del Nostro Consiglio, abbiamo ordinato ed ordiniamo quanto segue: I Valdesi sono ammessi a godere di tutti i diritti civili e politici de’ Nostri sudditi; a frequentare le scuole dentro e fuori delle Università, ed a conseguire i gradi accademici. Nulla è però innovato quanto all’esercizio del loro culto ed alle scuole da essi dirette. Date in Torino, addì diciassette del mese di febbraio, l’anno del Signore mille ottocento quarantotto e del Regno Nostro il Decimottavo

domenica 14 febbraio 2016

Conferenza di Paolo Naso ad Omegna

Forza e coraggio

Le parole di 1°Pietro 2:9 che abbiamo ascoltato durante la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, ci ricordano la vocazione comune a tutti i battezzati. Siamo chiamati a essere un popolo consacrato, cioè messo da parte per il servizio di Dio nel mondo, nell’azione in favore della giustizia e della pace. Abbiamo il compito di vivere e di testimoniare l’amore di Dio al mondo. Un compito anche questo non facile a causa delle nostre fragilità. Ricordare questo è importante, perché la chiesa è costituita da persone che hanno i loro pregi e difetti, limiti e doni. E la costruzione di una comunità più fraterna può diventare un compito arduo. Per questo, abbiamo anche noi bisogno di forza e coraggio per costruire una comunità di chiesa più fraterna e più impegnata per camminare e essere chiesa insieme. Past. Jean-Félix Kamba Nzolo

domenica 7 febbraio 2016

Ricordando Febe Cavazzutti

La Chiesa Evangelica Metodista di Omegna tramite il sottoscritto vuole ricordare la figlia del Pastore Gaspare Cavazzutti (che nel lontano 1892 fondò la Chiesa in questione, ad Omegna) con le belle parole del Pastore Ruggero Marchetti: "Care sorelle e cari fratelli, Nelle nostre piccole chiese, alcuni fratelli e forse più spesso alcune sorelle (e penso qui anche a Florestana Piccoli Sfredda, mancata poco più di anno fa) sono conosciute anche da chi non ha mai avuto il dono di averle incontrate personalmente. Febe Cavazzutti Rossi, è stata una di queste “presenze privilegiate”. Il ruolo che ha saputo rivestire nella sua chiesa di Padova e più in generale nelle nostre chiese in Italia, le cariche che ha ricoperto nel mondo metodista internazionale, il suo impegno ecumenico, le pubblicazioni che ha curato, il suo essere così profondamente metodista, e per questo profondamente evangelica e profondamente cristiana, la sua personalità così ricca di doni, e energica ed aperta al tempo stesso... tutto questo ha fatto sì che nei nostri ambienti bastasse dire “Febe” per aggiungere subito dopo, in maniera quasi automatica “Cavazzutti Rossi”... E dir così non era ricordare solo un nome e due cognomi, ma tutta una storia, una testimonianza. Adesso Febe è ritornata a Dio che l'ha pensata prima ancora che nascesse e l'ha chiamata alla vita e ce ne ha fatto dono per questi ottantacinque anni. E ci ha lasciato un'ultima bellissima testimonianza del suo modo di vivere la fede nella comunità: non ha voluto essere salutata in un apposito servizio funebre, ma nel corso del culto ordinario che la sua chiesa metodista di Padova celebrerà domenica prossima, ricordandola con gratitudine. A me questa scelta è parsa meravigliosa... È scritto in quel lungo, articolato bel sermone che è nel Nuovo Testamento l'epistola agli Ebrei: “Anche noi, dunque, poiché siamo circondati da una così grande schiera di testimoni, deponiamo ogni peso e il peccato che così facilmente ci avvolge, e corriamo con perseveranza la gara che ci è proposta, fissando lo sguardo su Gesù, colui che crea la fede e la rende perfetta” (Ebrei 12,1).Alla lettera, il testo greco dice: “circondati da una così grande nuvola di testimoni”... Fede adesso fa parte della nostra “grande nuvola” che ci dà la forza, lo slancio, la gioia di “correre con perseveranza la gara che ci è proposta, fissando – come lei ha sempre fatto - lo sguardo su Gesù”. E intanto, “circondiamo” anche noi, col nostro affetto e la nostra preghiera, sua figlia Ondina, suo nipote Tommaso e la sua chiesa metodista di Padova: domenica prossima saremo con cuore tutti e tutte lì, presenti per ricordare con gratitudine Febe, la sua vita, la sua fede, i suoi doni... . Ruggero Marchetti, Presidente CED II Distretto

sabato 23 gennaio 2016

Chiesa Evangelica Metodista - Comunità di Verbania e Omegna: Preghiera per la settimana di preghiera per l'unit...

Chiesa Evangelica Metodista - Comunità di Verbania e Omegna: Preghiera per la settimana di preghiera per l'unit...:                                              Preghiamo: Dio nostro e Padre nostro, nelle tue mani è la nostra vita e il tempo che sta dav...

Preghiera per la settimana di preghiera per l'unità dei Cristiani del 18-25 Gennaio 2016

                                             Preghiamo:
Dio nostro e Padre nostro, nelle tue mani è la nostra vita e il tempo che sta davanti a noi: donaci di saperlo usare per la tua lode, per il servizio dei fratelli, delle sorelle e di tutte le creature.
    Ti preghiamo per la tua Chiesa, disseminata nel Mondo, perché annunci a tutti il Tuo Regno che viene, senza farsi intimidire dalle minacce né comperare dai privilegi.
    Ti preghiamo per chi sciupa la sua vita distruggendosi o dissipandola. Per coloro il cui tempo scorre estenuante, nella malattia, nella solitudine, nella prigionia, nella disperazione; per coloro che sono tentati di porre fine ai loro giorni.
    Ti preghiamo per coloro che hanno responsabilità di governo, perché le esercitino consapevoli che tutte le creature sono Tue, e che di esse Tu ci chiederai conto. Per tutto il Mondo, perché accolga l’annuncio che il tempo ha una direzione e uno scopo, e non ripeta ciecamente gli errori dei tempi passati.
    Ti preghiamo per chi ci è nemico, per chi bestemmia il tempo preparando il male anziché il bene, la guerra e la miseria anziché la pace e la solidarietà.
    Ti preghiamo per tutte le vittime della violenza umana: per le donne e le bambine che finiscono nel traffico della prostituzione; per le bambine e i bambini che vengono costretti a lavorare in condizioni di schiavitù e che non hanno più la forza di sorridere a causa della malvagità dell’uomo, affinchè ritornino a sorridere e vivere da bambini.
    Ti preghiamo per tutte le persone che sono costrette dalla miseria, dalla Guerra o dalla persecuzione a lasciare il loro paese, dona la tua gioia, affinchè, dopo aver sperimentato l’odio e la violenza, possano conoscere la lealtà del Tuo amore, anche attraverso la nostra solidarietà.
    Ti preghiamo, fa che non ci rassegnamo di fronte a tutta la violenza e l’ingiustizia, permetti che il nostro agire possa portare alle vittime un soccorso che sia segno luminoso della Tua guarigione e della Tua riconciliazione.
    Ti preghiamo, fa che la nostra preghiera non sia soltanto per gli uomini e le donne di buona volontà, bensì anche per quelli di cattiva volontà, quando essi verranno in giudizio, fa che I frutti da noi prodotti siano il loro perdono.
     Ti preghiamo, aiutaci ad essere fermi nel pensiero e nell’azione come Tuo figlio Gesù, nostro modello, fai di noi dei testimoni d’amore, di attenzione, di perdono e di giustizia.
        Tutto questo te lo chiediamo nel nome di Gesù, Redentore nostro.
AMEN
                                                               Giampaolo Castelletti




mercoledì 20 gennaio 2016

Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani


Sermone sul testo biblico di 2° Corinzi 4:3-10

Riflettere questo testo della 2^ lettera di Paolo ai Corinzi, dopo le feste ci consente di riflettere sul fulcro della predicazione e mettere maggiormente in risalto la caratteristica principale dell’Evangelo, anche noi siamo chiamati a predicare questo unico vangelo di Gesù Cristo, nostro Signore.

3 Se il nostro vangelo è ancora velato, è velato per quelli che sono sulla via della perdizione, 4 per gli increduli, ai quali il dio di questo mondo ha accecato le menti, affinché non risplenda loro la luce del vangelo della gloria di Cristo, che è l'immagine di Dio. 5 Noi infatti non predichiamo noi stessi, ma Cristo Gesù quale Signore, e quanto a noi ci dichiariamo vostri servi per amore di Gesù; 6 perché il Dio che disse: «Splenda la luce fra le tenebre», è quello che risplendé nei nostri cuori per far brillare la luce della conoscenza della gloria di Dio che rifulge nel volto di Gesù Cristo.
7 Ma noi abbiamo questo tesoro in vasi di terra, affinché questa grande potenza sia attribuita a Dio e non a noi. 8 Noi siamo tribolati in ogni maniera, ma non ridotti all'estremo; perplessi, ma non disperati; 9 perseguitati, ma non abbandonati; atterrati ma non uccisi; 10 portiamo sempre nel nostro corpo la morte di Gesù, perché anche la vita di Gesù si manifesti nel nostro corpo.

I VV.3 e 4 sono molto significativi e dicono: 3 Se il nostro vangelo è ancora velato, è velato per quelli che sono sulla via della perdizione, 4 per gli increduli, ai quali il dio di questo mondo ha accecato le menti, affinché non risplenda loro la luce del vangelo della gloria di Cristo, che è l'immagine di Dio.”, Paolo con questa affermazione vuol far capire a tutti una situazione che si è creata alla sua epoca ma che è attuale ancora oggi ed è questa:  “La parola di Dio, da alcuni è vista molto chiaramente mentre da altri è vista in modo confuso, o addirittura…è invisibile.
Questa considerazione, fa si che molti uomini e donne mettono in discussione la Parola di Dio sul presupposto che sia interpretabile in modi diversi, possiamo invece affermare che la Parola di Dio si offre a tutti noi, accettando anche di non essere riconosciuta, oppure di essere fraintesa.
Tuttavia, chi consapevolmente e apertamente dichiara di credere in Dio, non la rifiuta ( ) non la ignora e tanto più la fraintende.
L’insegnamento dell’Evangelo e…la testimonianza che la chiesa ne ha dato nei secoli non dividono l’Evangelo tra uomini/donne istruiti e uomini/donne ignoranti, le Scritture non ci vengono offerte secondo il nostro livello di conoscenza biblica o di presenza alle attività della nostra chiesa, la Scrittura viene offerta a tutti senza che ci sia un percorso iniziatico, per questo il nostro Signore ha fatto nascere nella chiesa i doni necessari a non improvvisare, la Scrittura non è improvvisazione, per poterla fare nostra e metterla in pratica in ogni momento della nostra giornata bisogna studiarla con attenzione, consapevolezza e responsabilità,.
         L’Evangelo è rivelazione o messaggio di Dio in Gesù Cristo, Gesù…immagine di Dio ( ) è rivelazione di Dio. Chi riconosce Gesù Cristo può conoscere Dio stesso.
La velatura dell’Evangelo esiste quindi solo per coloro che non vogliono vedere la luce che risplende in Gesù, a questo proposito Paolo mette in risalto gli increduli che si abbandonano alle divinità di questo mondo, cioè ad un Satana che prende le vesti degli idoli umani e materiali che ci vogliono distrarre dal Signore. 
Ma c’è responsabilità umana?
Oppure possiamo addossare a Dio la colpa di farci degli idoli?
È chiaro che la seconda domanda è provocatoria, visto che la nostra conoscenza “del bene e del male”, cioè, la nostra capacità di valutare, ha un peso in tutto questo ( ) e si chiama: “responsabilità”.
Perché l’Evangelo risplenda, occorrono dei testimoni che lo vivano, ma prima ancora dei cristiani che abbiano ben chiaro quello che predicano, “la Chiesa evangelizza solo se vive l’Evangelo” (Prof. F.Ferrario.). 
Il nostro rischio è quello di non predicare Gesù Cristo perché se non rimaniamo vigili ed attenti è molto più facile che predichiamo noi stessi, cioè un vangelo secondo me o secondo te, ma non secondo Gesù Cristo.
Come accorgerci di questo? 
In realtà la riposta è apparentemente semplice: “predico me stesso nel momento in cui mi metto al centro del mondo”.
La scoperta dell’”io” al centro del mondo è molto più difficile da individuare, qui le insidie di Satana non mancano. Dei campanelli d’allarme possono essere del tipo: gli altri si devono adeguare a me, solo io conosco la perfetta dottrina”
“Predico cosa bisogna fare ma io non lo faccio”  
è ovvio che i campanelli d’allarme possono essere molti e molti altri, ma il denominatore comune è questo: ho perso di vista quel Gesù Cristo che sono chiamato a predicare, ad annunciare ed a testimoniare.
Sappiamo bene che Dio stesso ci ha donato la capacità di parlare, ragionare, capire, inventare, studiare, ma quello che difficilmente comprendiamo è il nostro senso del limite, quel limite che può provocare errori irreparabili, soprattutto, quando non si mette in pratica la Parola di Dio e questo può causare: “ uccisione di uomini e donne per cause imputabili a guerre chiamate sante ma che non lo sono, contaminazione della terra che sovente causano disastri ambientali, migliaia e migliaia di morti tra animali, uomini e donne, tutto questo, il più delle volte tutto questo lascia uomini/donne indifesi e senza risposte di fronte a sciagure come quella che vi sto per raccontare:
“La settimana prima di Natale, su Rai3 hanno trasmesso un Film che parlava dello Tsunami del 26 Dicembre 2004 in Thailandia. Un Film molto toccante, parlava di una famiglia che si è trovata coinvolta in questo cataclisma la cui scossa principale, la più lunga mai registrata, è durata 8 minuti, la quale, ha scatenato delle grandi onde anomale che hanno colpito sotto forma di immensi tsunami (con un run-up massimo di 27 metri) le coste dell'Oceano Indiano. Il numero totale di vittime accertate, causate da questa serie di cataclismi è stato di circa 400.000 tra uomini/donne e bambini, ma decine di migliaia di uomini/donne e bambini sono ancora dati per dispersi, mentre tra i tre ed i cinque milioni sarebbero gli sfollati. Oltre alle popolazioni residenti, vi sono state tra le vittime molti turisti stranieri che si trovavano in quelle zone nel pieno delle vacanze di Natale. Ad esempio, è notevole il fatto che questo singolo evento abbia causato quasi lo stesso numero di vittime di nazionalità svedese (543, delle quali 542 nella sola località thailandese di Khao Lak) di quante non ne avesse causate l'intera Seconda Guerra Mondiale (circa 600); quello che è successo ci ha mostrato quanto poco tempo basta, per cambiare la nostra vita, ma questo è un fatto straordinario, a volte basta una parola ad incrinare i nostri deboli spiriti, altre volte basta un semplice virus, per non parlare di altro, soprattutto oggi che si vive il mito dell’onnipotenza umana, gli scienziati cercano il segreto dell’immortalità, il nostro compito di cristiani è porre attenzione ad essere apostoli di Gesù e non del diavolo, perché come cristiani sappiamo che solo coloro che fanno la volontà del Signore avranno vita eterna e non saranno di certo gli scienziati a darcela; quindi dobbiamo aver paura di sentirci come dei vasi di terracotta e come tali possiamo cadere e andare in frantumi. Paolo, quando fa riferimento a questo recipiente delicato, ci fa comprendere quanto è fragile il nostro vaso, non solo è debole esternamente, ma lo è anche internamente, in quanto è pieno delle nostre instabilità nelle relazioni umane, di solidarietà e di speranze.
         Paolo mette in risalto tutta questa fragilità quando riferisce a se stesso la descrizione del recipiente delicato e di poco prezzo proprio per mettere in risalto, attraverso la sua infermità e le prove che aveva dovuto affrontare, quanto è potente l’azione di Dio che usa consapevolmente degli strumenti per manifestare la propria potenza nei tempi, tra gli uomini e le donne.
         La certezza di Paolo, ci aiuta a scoprirci degni di una salvezza e di un riscatto che ci è offerto perché non solo scopriamo che Dio ci ha accolto nelle nostre limitazioni di fragili creature ma, fatto ancora più sorprendente, possiamo essere ricomposti nei nostri cocci per svolgere di nuovo la funzione di contenitore.
         Tribolati, perplessi, perseguitati sono verbi che descrivono gli urti ai quali siamo sottoposti e che mettono a serio repentaglio l’integrità del nostro vaso. Un vaso che si può rompere.
Sappiamo che nessun vaso è in condizioni di ripararsi da solo, ma accade anche il miracolo per cui un vaso ormai inservibile diventi nuovamente idoneo a contenere anche un tesoro prezioso grazie al Signore, il quale ci fa scoprire che non siamo ridotti all’estremo, non siamo disperati, non siamo abbandonati e non siamo uccisi perché il rapporto tra noi e il vasaio non si esaurisce solo nel momento in cui dalle sue mani emerge il nostro vaso, ma questo rapporto, si mantiene costante durante tutta la nostra vita.
         Sino a quando il vaso è ripieno di noi stessi contiene solo le nostre contraddizioni, ma quando la nostra vita si apre a Cristo riceviamo un grande insegnamento che ci fa scoprire la necessità di essere umili, che ci fa rendere conto della fragilità della nostra argilla.
         La conoscenza di Cristo è il tesoro che rende prezioso il nostro vaso, ma Cristo deve diventare il nostro contenuto!
La nostra fragilità ci fa conoscere fallimenti di ogni genere, accompagnati da mille domande laceranti che possiamo affrontare e superare solo perché abbiamo conosciuto Cristo e, attraverso di lui, sappiamo che Dio non ci abbandona alla disperazione ed alla morte spirituale.
         Come ogni contenitore si impregna con quello che viene inserito dentro di esso, così il credente lo è con la conoscenza di Cristo. Mi attrae l’idea che ciascuno di noi sia come quegli antichi recipienti di terracotta che non erano perfettamente impermeabili al proprio interno e che quindi si impregnavano dell'olio o del vino che contenevano e non potevano essere più utilizzati per nessun altro liquido.  Così, mi piace pensare che il nostro contenitore sia riempito della conoscenza di Cristo, il quale abbia riempito il nostro cuore, le nostre menti e ci renda dedicati solamente a Lui.  
Le conseguenze di quello che abbiamo ricevuto da Dio si vedono prima di tutto nella chiesa, dove l’apostolo Paolo ci insegna che la sua missione e la nostra missione è un servizio in contrapposizione a quei nemici di Cristo che predicano solo se stessi e cercano di usare la comunità a proprio vantaggio.
L’insistenza di Paolo sulla luce di Cristo e su ciò che siamo chiamati a predicare e testimoniare ha uno scopo molto semplice: ricordarci di essere sinceri ed onesti, consapevoli che gli avversari del Signore sono coloro che operano nell’ambiguità: noi dobbiamo solo predicare Gesù Cristo come “luce del mondo” e nostro unico Signore e salvatore.
Non dimentichiamo che a tutti noi è affidato questo unico evangelo in Cristo Gesù.

Che il Signore ci accompagni nel nostro cammino in questo nuovo anno, donandoci il senso di poterlo vivere secondo la sua indicazione. Rimaniamo dunque servitori, portatori, messaggeri del Vangelo in Cristo e servitori dei nostri fratelli, anche di quelli che ancora non hanno conosciuto: Cristo Gesù, Colui che è la gloria e l’immagine di Dio.
AMEN

 G. Castelletti