Verbania - C.so Mameli 19
*Culto domenicale ore 10:30

Omegna - Via F.lli Di Dio 64
*Culto domenicale ore 10:30

domenica 3 settembre 2017

Sermone di domenica 3 settembre 2017 nel tempio di Omegna


Sermone sul testo biblico di Isaia 29,17-24

Il testo biblico di oggi, parla di quelle che potremmo chiamare: “Le sorprese della grazia di Dio”, nel senso che, quando meno ce lo aspetteremmo, Iddio, come aveva manifestato la Sua ira, manifesta la Sua grazia e la Sua misericordia.
Tutto questo ci insegna a vivere non in un universo personale, casuale e spietato, ma a vivere nell'ambito dell'universo di un Dio che regola ogni cosa secondo i Suoi eterni propositi, sempre buoni e giusti. Esso ci insegna a vivere consapevolmente, ubbidendo con fiducia anche quando non comprendiamo ciò che avviene, in comunione con Lui, il Signore di tutta la realtà. 

Il Profeta Isaia, parla di diversi comportamenti che causavano e causano ancora oggi, dolore e sofferenze, soprattutto a coloro che il testo chiama: “gli umili”, “i più poveri tra gli uomini” (19b), i “traviati di spirito” (24), costoro sono le categorie umane più deboli ed indifese, come chi non ha mezzi finanziari, gli invalidi, gli anziani, i migranti stranieri, chi ha bisogno dell'appoggio e della solidarietà degli altri, come i disprezzati, gli emarginati, gli oppressi, e coloro che sono sfruttati senza scrupolo alcuno.                                                                                                               
Sì, diciamo che essi sono vittime di chi non ha scrupoli onesti. La cosa peggiore, però, e ciò che il profeta lamentava,…il comportamento indecente proprio fra coloro che gli scrupoli onesti avrebbero dovuto averli! Questi comportamenti, infatti, il profeta li vede e li denuncia proprio perché avvenivano all'interno del popolo di Dio, popolo che avrebbe dovuto distanziarsi nettamente dal modo di pensare, di parlare e d'agire comune a questo mondo. Infatti, di tutte queste cose, dice il testo (22b), “si vergogna Giacobbe” e sono tali da farlo “impallidire”. In altre parole, di tutte queste cose i nostri padri nella fede si vergognerebbero e impallidirebbero scandalizzati!

Qual è dunque la realtà…che il profeta denuncia tramite le parole del nostro testo?                         
Egli vede nella società del suo tempo, diverse categorie di persone che, “fan vergogna” non solo al popolo di Dio, ma ad ogni società civile, come per esempio: “L'uomo violento” (20a),…letteralmente, l'uomo potente e tirannico, che approfitta della sua malvagità e della debolezza altrui, per maltrattare e perseguitare gli altri, come le forze imperialiste che circondavano Israele, le quali non avevano scrupoli a devastare e saccheggiare chi voleva solo starsene in pace. Questo avviene persino oggigiorno nei luoghi di lavoro, è il fenomeno del Mobbing, cioè, quella forma di terrore psicologico, che viene esercitato sul posto di lavoro attraverso attacchi ripetuti da parte dei colleghi o dei datori di lavoro, le forme che esso può assumere sono molteplici: dalla semplice emarginazione, alla diffusione di maldicenze, dalle continue critiche, all'assegnazione di compiti dequalificanti fino alla compromissione dell'immagine sociale. Nei casi più gravi si può arrivare anche a sabotare il lavoro e ad azioni illegali. Lo scopo del Mobbing è quello di escludere una persona che è, o è divenuta, in qualche modo "scomoda", distruggendola psicologicamente e socialmente, in modo da provocarne il licenziamento o da indurla alle dimissioni.
Nel testo, troviamo anche un termine che non siamo abituati a sentire:…“Il beffardo (20b)”, ebbene, questo termine, viene usato per chi prende in giro un'altra persona; come gli Assiri, i quali minacciavano Israele prendendosi gioco della loro fede, dicendo che il loro Dio non avrebbe mai potuto salvarli, perché loro erano invincibili. I persecutori di Gesù lo prendevano in giro e lo infastidivano, considerandolo solo uno stupido. Le dottrine predicate dagli apostoli del Cristo venivano spesso derise. Anche oggi, capita spesso che i cristiani sono derisi, per la loro presunta “ingenuità” a “credere a quelle cose”, da coloro che… “vegliano per commettere iniquità” (20 c), costoro…sono quelli che osservano bene gli altri,…soprattutto i credenti, per vedere se possono trovare qualcosa per accusarli, così da far notare loro quanto siano ingenui e come la loro fede non valga nulla, come avvenne al tempo di Gesù, dove gente falsamente religiosa cercava in ogni modo di farlo cadere in contraddizione per trovare qualcosa di cui accusarlo tramite il pretesto della giustizia e quindi giustificare sé stessi; 
in questa situazione, si trova, il credente di oggi, il quale soffre perché detestato e deriso da gente ignorante. Questi ignoranti, si comportano proprio come dice la scrittura: “violano il diritto per un nulla” (21c), nel senso che, condannano altri con dei pretesti falsi.  Gesù, il Giusto per eccellenza, era stato condannato sulla base di accuse inconsistenti e false testimonianze. Gesù era stato processato come un criminale e…come spesso accade in questo mondo, la sorte degli stessi apostoli non è da meno, come afferma Paolo, citando l'Antico Testamento: “Per amor di te siamo messi a morte tutto il giorno; siamo stati considerati come pecore da macello” (Ro. 8:36).
Non si tratta, però,…solo di comportamenti sociali vergognosi, ma anche di quelli che potremmo chiamare “crimini di lesa maestà” contro Dio, altrettanto gravi,…se non di più,…dei crimini sociali.   E’ fonte di grande tristezza da parte di un credente, vedere molti suoi contemporanei che non credono nella verità di quanto la Bibbia afferma, anzi, si rifiutano persino di leggerla, di prenderla sul serio, di studiarla, la disprezzano o la sottovalutano. Non si rendono conto come essa mostri loro la via della loro salvezza. Spiritualmente sono ciechi e sordi…tanto da non credere che Iddio sia il sovrano Creatore e Signore dell'universo, oltretutto non credono che a Dio è dovuto ogni onore e gloria, un detto popolare afferma giustamente: “non c'è più religione”, ed è vero, perché è largamente scomparso ogni rispetto per Dio. Il profeta Michea potrebbe ben scrivere anche per la nostra generazione: “L'uomo pio è scomparso dalla terra; non c'è più gente retta fra gli uomini; tutti stanno in agguato per spargere il sangue, ognuno dà la caccia con la rete a suo fratello” (Mi. 7:2).
Come prima cosa nella vita…è dovuto a Dio il culto, la lode, la gloria, il timore, il rispetto,…la fede e l'ubbidienza. 
Infine, nel nostro testo troviamo “i mormoratori”, i quali, sono coloro che, con i loro mormorii, si lamentano sempre, non sono mai contenti, borbottano, contraddicono e non sono mai riconoscenti, tanto da prendersela (24b) con Dio e lo bestemmiano senza alcuno scrupolo se le cose non vanno come vorrebbero loro, come gli Israeliti, che, nonostante le promesse ricevute e i continui segni della divina provvidenza che li accompagnavano, spesso mormoravano contro Dio e contro Mosè ad ogni più piccola difficoltà quando erano in cammino nel deserto, così facendo, suscitarono l'ira di Dio, tanto che…ad un'intera generazione fu impedito l'ingresso nella terra promessa. Quanta tristezza vedere intorno a sé gente sempre malcontenta ed irriconoscente!


Un cambiamento possibile
Il Profeta Isaia,…denuncia tutta questa situazione di degrado. 
Sorge quindi una domanda spontanea…è possibile che un giorno tutte queste cose cessino? 
Se tutte queste cose non cesserebbero, ci sarebbe veramente da disperare, ed anche fra di noi al riguardo, spesso, prevale il pessimismo, Isaia, però, in questo testo ci fa capire che nonostante tutto non è disperato, ma vede “ancora un brevissimo tempo” e questa situazione sarà completamente ribaltata.
Egli annuncia l'impensabile: “Ancora un brevissimo tempo, e il Libano sarà mutato in un frutteto, e il frutteto sarà considerato come una foresta” (17), 
Isaia ci dice che avverranno cambiamenti inaspettati. Quelle che un tempo erano foreste, oggi possono diventare terre coltivate, viceversa, quelle che un tempo erano terre coltivate, possono diventare foreste perché abbandonate dall'uomo ed inselvatichite, nel senso che, la trasformazione morale e spirituale della nazione ebraica diventerà come dice il testo: “da foresta a terra coltivata e viceversa”. Sarà una cosa improvvisa e stupefacente, a motivo del fatto che, se ciò non avvenisse, non ci sarebbe speranza per l'essere umano se fosse lasciato a sé stesso e non intervenisse provvidenzialmente la misericordia di Dio con il Suo Santo Spirito, per “soffiare”, su una situazione umana che si sta avviando al declino e trasformarla radicalmente, come ha fatto e continua a fare anche nella peggiore delle situazioni quando si sono riprodotti quelli che, nella storia della chiesa cristiana, sono stati chiamati “risvegli”.
Sì, il profeta annuncia rivoluzioni radicali prodotte dallo Spirito “su ogni carne” (Is. 32:15). Sarebbe avvenuto prima sugli Israeliti, che avrebbero poi visto il ristabilimento della loro nazione (Is. 29:2; Za. 12:10), poi sugli altri popoli (Gioele 2:28). Ciò che prima era infruttuoso porterà frutto…e l'empio, che sembrava felice e tranquillo, senza problemi, manifesterà tutta la sua reale aridità.

Un cambiamento che inizia oggi
Quando, allora, avverranno tutte queste trasformazioni? Forse che il profeta esprime solo pie illusioni e vane speranze? 
No,…Iddio, quando,…come e dove ritiene più opportuno, ci fa la grazia di mandare il Suo Spirito in Cristo, ed è con Cristo Gesù che sono possibili queste trasformazioni. Non è teoria, ma è la realtà che si manifesta in tutte quelle persone che sin da oggi si convertono a Cristo dopo aver udito il messaggio dell'Evangelo.
Riprendiamo, allora, le parole del nostro testo e non consideriamole come se fossero limitate ad un lontano futuro: “In quel giorno, i sordi udranno le parole del libro e, liberati dall'oscurità e dalle tenebre, gli occhi dei ciechi vedranno” (18). 
E’ stupefacente che, ogni qual volta, l'Evangelo di Gesù Cristo, tocca una vita umana tramite lo Spirito Santo, vedere come questa persona, che prima era indifferente od ostile alla verità biblica, comprenda la Bibbia e la “divori” con interesse e desiderio, nel senso che, coloro che sono spiritualmente ciechi, sono liberati dalle loro tenebre: “I ciechi ricuperano la vista e gli zoppi camminano; i lebbrosi sono purificati e i sordi odono; i morti risuscitano e il vangelo è annunciato ai poveri” (Mt. 11:5): questo era l'effetto dell'opera di Gesù! 
Isaia ci dice ancora: “Gli umili avranno abbondanza di gioia nel SIGNORE e i più poveri tra gli uomini esulteranno nel Santo d'Israele” (19). Sì, un giorno le categorie umane più deboli e indifese come chi non ha mezzi finanziari, gli invalidi, gli anziani, i malati, i migranti stranieri, chi ha bisogno dell'appoggio e della solidarietà degli altri, avrà abbondanza di gioia, perché vedrà coloro che sono stati convertiti dall'Evangelo prendersi amorevolmente cura di loro.
Queste trasformazioni non sono da proiettare in un lontano futuro, ma sono il risultato dell'opera rigeneratrice dello Spirito Santo quando converte donne/uomini    a Cristo, dopo che hanno udito la fedele predicazione dell'Evangelo di Gesù Cristo. E' infatti in Cristo Gesù che il futuro diventa presente.
Ricordate la testimonianza esemplare dello stesso apostolo Paolo? (1 Ti. 1:12-17).  

Conclusione
Tante cose possono avvenire all'improvviso e quando meno ce lo aspettiamo. Chi invece vive nella prospettiva di Dio, quella che Egli ha rivelato nella Bibbia, non pensa tanto alle disgrazie...ma confida,…spera e prega…affinché Dio gli faccia la grazia di vedere nel suo tempo e nel suo luogo, un Suo speciale intervento di grazia e di misericordia. Quando Isaia predicava questo messaggio non c'era alcun motivo di essere ottimisti, anzi, lo scenario era solo di disperazione, Isaia, però, conosceva Dio e viveva nella Sua prospettiva, in quanto conosceva l'amore e la misericordia di Dio che, inaspettatamente, trasforma anche la situazione peggiore in una situazione migliore, così sarà anche per noi.
Il Dio di Isaia, è quello di Abraamo, Mosè e Gesù Cristo, Colui che “fa rivivere i morti, e chiama all'esistenza le cose che non sono” (Ro. 4:17).                                            
Anche nella “disgrazia”, Isaia credeva che Iddio aveva il completo controllo della situazione e che…“sa quello che fa e lo fa bene”…per un preciso motivo, anche noi, oggigiorno…siamo chiamati a vivere nella stessa prospettiva del Profeta Isaia, siamo chiamati a credere nel Dio “dell'impossibile” e ad aspettarci un'intervento speciale di Dio.
Dobbiamo farlo, naturalmente, non in modo passivo, ma…noi stessi…dobbiamo dare dei segni concreti di quello che abbiamo compreso, per annunciare in anticipo ciò che Iddio sta per fare: “gli umili avranno abbondanza di gioia nel SIGNORE e i più poveri tra gli uomini esulteranno nel Santo d'Israele”. 

Che così possa essere per tutti noi. 
AMEN  
P.L. G. Castelletti   




Nessun commento: